Passa ai contenuti principali

Il bagnino che non t’aspetti. Indagine CNA: “Sono circa 11mila. Il 14% è donna. Il 7% non è nato in Italia. Tre su quattro hanno meno di 40 anni. Altrettanti sono diplomati o posseggono un titolo professionale. Ed è di 1200 euro lo stipendio medio base mensile”

Tante donne. E anche numerosi immigrati. Smentisce una serie di luoghi comuni la fotografia dei bagnini italiani scattata da Cna Balneatori e dalle cooperative del settore.
I bagnini regolarmente assunti in Italia sono circa 11mila. Impegnati sui litorali marittimi come su fiumi e laghi interni, piscine e parchi acquatici. Le donne sono il 14%, quasi una su sette. Poco meno del 7% non è nato in Italia.

Il numero raggiunto dalle bagnine sarebbe stato incredibile ancora solo pochi anni fa.  Aggiungono il tocco femminile a un’attività altamente professionale e anche rischiosa. Un plus che si sprigiona, a esempio, nella capacità di trattare i bambini, spesso loro “clienti” privilegiati una volta sfuggiti ai controlli degli adulti di famiglia.
La mappa regionale della diffusione delle bagnine è altrettanto sorprendente. A sfoggiare più donne occupate professionalmente nel salvamento è la Calabria (con il 21,2% di bagnine, oltre una su cinque addetti), seguita da Trentino Alto Adige (8,3%), Campania (6,5%), Emilia Romagna (6,1%) e Veneto (5,2%).
Il 6,84% dei bagnini regolarmente assunti non è nato in Italia. La diffusione dei bagnini immigrati presenta un andamento molto difforme. In Friuli Venezia Giulia rappresentano il 21,2% del totale. Sul podio salgono anche la Liguria (14,37%) e, ancor più distanziata, la Sardegna (8,77%). A seguire Veneto (7,57%) e Puglia (6,77%).
La maggiore diffusione di bagnini immigrati sul litorale è spiegata prima di tutto dalla loro provenienza: il 49% è nato nei Balcani, il 41% nell’Europa dell’Est, il 10% dal resto del mondo con una spiccata presenza (6%) dei nordafricani.
Immigrati a parte, chi è il bagnino medio italiano quale emerge dalla indagine condotta da Cna Balneatori e dalle coop che forniscono “servizi di assistenza e di prevenzione al salvamento della vita umana in mare”, utilizzando anche dati Istat e Unioncamere?  Il 76% dei bagnini (dati Istat) conta meno di quarant’anni e il rimanente 24% ha superato gli “anta”. Un’attività che attrae i giovani, quindi. Ma non i giovanissimi: solo il 14,5% dei bagnini ha meno di 24 anni.
Il 2,2% degli occupati (dati Unioncamere) ha un contratto a tempo indeterminato e i rimanenti sono lavoratori  stagionali. Il bagnino deve aver completato la scuola dell’obbligo e frequentato un corso specializzato di alcuni mesi alla Federazione italiana nuoto o alla Società nazionale di salvamento, dal costo di circa 400 euro.
Al termine del corso di formazione si affronta un esame e, se lo si supera, si ottiene il brevetto. Il livello d’istruzione della categoria è mediamente elevato: solo il 22,6% si è fermato alla scuola dell’obbligo, il 51,4% possiede un titolo professionale e il 26% ha conseguito un diploma secondario. Non mancano gli universitari e i laureati.
Che cosa li attira nell’attività di bagnino? Oltre, ovviamente, alla passione per l’acqua, il nuoto e l’aria aperta, uno stipendio medio base di 1200 euro per almeno quattro mesi all’anno cui si aggiunge l’indennità di disoccupazione per un altro trimestre.

Le dieci regole d’oro per una giornata al mare serena
(suggerite dalla Società nazionale di salvamento – www.salvamento.it )

-        Se non sai nuotare, l’acqua deve rimanere al di sotto della cintura
-        Non entrare in acqua dopo una prolungata esposizione al sole
-        Nuota in coppia, mai da solo, e sempre all’interno della zona riservata alla balneazione
-        Non continuare a nuotare quando sei stanco, riposati sul dorso e poi torna verso riva
-        Evita di tuffarti quando non conosci il fondale
-        Evita l’iperventilazione prima dell’apnea
-        Prendere il sole con moderazione
-        Non entrare in acqua se c’è la bandiera rossa
-        Non raccogliere siringhe od oggetti taglienti sulla spiaggia e segnalane la presenza al tuo bagnino
-        Lascia gli animali vivi e liberi di nuotare nel loro ambiente

Commenti

Post popolari in questo blog

Premio di poesia “Le Parole della Libertà’” edizione 2018

Anche quest’anno l’associazione sportiva e culturale A.S.D. ACADEMY TURSI, con il patrocinio del Consiglio Regionale della Basilicata e del Comune di Tursi, ha organizzato il Premio di poesia “Le parole della libertà”, edizione 2018, riservato agli alunni delle classi 3^, 4^, 5^ elementari e di tutte le classi delle scuole medie e degli istituti superiori della Regione Basilicata. 


Il premio di poesia, giunto alla quarta edizione, ha l’obiettivo di rendere indipendenti i ragazzi dai vincoli tematici affinché possano esprimere al meglio le loro capacità. È questa dunque, l’occasione per tutti di avvinarsi al componimento poetico esprimendo la propria creatività. Le opere devono essere consegnate entro venerdi 30 marzo 2018 mentre la premiazione avverrà sabato 12 maggio 2018 alle ore 19,00 a Tursi presso la sala polifunzionale “San Giuseppe”.

“Ringrazio tutta la giuria per l’immensa disponibilità, il Consiglio Regionale e l'Amministrazione Comunale di Tursi per aver accolto, con entus…

Melfi.Cattedrale. Mistero su un'opera d'arte nascosta: "Ultima Cena".

Roma, Milano, Firenze, Torino, Napoli: nessuna tra le più importanti città d'arte italiane conosce una spettacolare rappresentazione dell'Ultima Cena, perché essa è conservata a Melfi, nell'imponente Cattedrale di Santa Maria Assunta! Posta sulla navata centrale e proprio sul portone principale della Chiesa, entrando ce la ritroviamo alle spalle e difficilmente ci voltiamo ad osservarla. Stessa cosa succede uscendo, la maggior parte delle volte abbiamo lo sguardo ad altezza uomo, e seppur ci buttiamo un occhio, è troppo in alto per guardarla attentamente. Tutto questo è stato messo all’attenzione dei social da Daniela Sasso curatrice della Pagina Facebook Graphic Revolution Melfi.”Premesso-riferisce Daniela- che alcuni amici che studiano arte mi hanno confermato che sono tutte informazioni corrispondenti al vero, quest’opera è una tela dalle enormi dimensioni che farebbe invidia a quella più famosa di Leonardo da Vinci per la cura minuziosa dei particolari. Quanti …

ANDIAMO A PRENDERE IL TRENO Avellino - Rocchetta: una tratta turistica, enogastronomica, paesaggistica e naturalistica

La linea Avellino–Rocchetta Sant'Antonio, tra le più antiche della Campania, inaugurata il 27 ottobre 1895 per volontà di Francesco De Sanctis, è lunga 120 km e attraversa le regioni Campania, Basilicata e Puglia, passando dai 217 metri sopra il livello del mare di Rocchetta ai 672 metri di Nusco. Lungo il percorso si incontrano 31 stazioni, 58 tra viadotti e ponti metallici e 19 gallerie, manufatti di pregevole valore architettonico e ingegneristico. E’ la ferrovia delle acque: attraversa e lambisce in più punti i fiumi Sabato, Calore ed Ofanto. E’ la ferrovia dei grandi vini docg: attraversa i territori areali del Taurasi e del Fiano. E’ la ferrovia del Parco Naturalistico Regionale dei Monti Picentini. E’ la ferrovia delle aree a tutela della biodiversità quali i laghi di Monticchio e della famosa farfalla Bramea del Vulture o dell'Oasi WWF di Conza della Campania. E’ la ferrovia dei Borghi: storia, cultura ed identità territoriale. L’Avellin…

Melfi 6 gennaio 2018. Catte Choir.edrale. Un successo il concerto dell'Epifania "Contaminazioni Musicali" con il coro "Mysticus don Vito Giannini" e "Isernia gospel Choir"

Chiusura delle festività natalizie a Melfi col botto. Nella serata dell’Epifania, nella Cattedrale, a cura dell’Amministrazione Comunale,il Coro "Mysticus Concentus "Don Vito Giannini" di Melfi, una realtà dal 2001 nato come cappella musicale del Duomo di Melfi, ed il coro Isernia Gospel Choir, nato nel 20013 per volontà di Rossana Leva, nota musicista del centro molisano, con l’obiettivo di formazione musicale, artistica, culturale ed umana dei componenti e di promuovere e diffondere la cultura gospel dei neri d’America, in una sorta di “Contaminazione Musicale”, ha allietato, alla presenza del Vescovo, Mons. Ciro Fanelli, la serata con musica classica, moderna e gospel.

Si è esibito prima il coro "Mysticus"di Melfi, diretto dal M° Pasquale Somma e padre Tony Leva con un ricco programma: "Tu Scendi dalle Stelle" di M.Frisina; Adeste Fideles di Bartolucci, "Astro del Ciel" di Corbetta; "Cantate domino" e "Ave Verum&…

COSTITUZIONI MELFITANE: UN GRUPPO DI GIOVANI PROPONE LA LORO CANDIDATURA ALL’UNESCO

Lunedì 15 gennaio, dalla sede del Caffè la Lettura, presso l’Hostel Il Tetto, in Piazza IV Novembre (Melfi), è stata lanciata l’idea di candidare le Costituzioni Melfitane a Patrimonio Immateriale dell’Unesco. Un gruppo di giovani , costituito da Sonnessa Marida, Gruosso Antonella, Lamorte Claudia, Antonaglia Mauro, Canadà Enrico e Lapadula Fabio, ha deciso di farsi promotore di questa iniziativa, approfittando del momento s torico favorevole: il 2018, infatti, si celebrerà a Melfi il millenario dalla fondazione della cinta muraria della città federiciana. Il sindaco di Melfi, Livio Valvano, ha accolto con entusiasmo l’ iniziativa di questi giovani , dichiarandosi pronto a soste nerli in questo progetto. L’iniziativa tende a coinvolgere le scuole della città e le associazioni culturali , al fine di contribuire alla riuscita del progetto. Le Costituzioni Melfitane, promulgate dall’imperatore Federico II nel 1231, rappresentano la pr ima raccolta …

CLOWN SOCIALI DA MONTICCHIO A MONTEMARANO SUL TRENO DEL CARNEVALE

La linea Avellino–Rocchetta Sant'Antonio, tra le più antiche della Campania, inaugurata il 27 ottobre 1895 per volontà di Francesco De Sanctis, è lunga 120 km e attraversa le regioni Campania, Basilicata e Puglia è stata inserita in un progetto di recupero in quanto, nel corso del tempo, questa linea ferroviaria ha subito una notevole crisi che ha portato alla sospensione dei servizi l’11 dicembre 2010. Per attuare questo progetto, nell’agosto 2016, in occasione di un noto evento, un convoglio d’epoca è tornato a solcare i binari della linea, ripristinando i primi 40 chilometri, grazie alle battaglie delle associazioni e all’iniziativa di fondazione FS. Nuove tappe di questo progetto riguardano le date 11 e 18 febbraio 2018, in quanto il treno storico raggiungerà Montemarano, in occasione del carnevale. 

Un carnevale autentico e giustamente famoso. Poco sfarzo, ma tanta allegria ed originalità. Non conta aver la maschera più bella o più costosa. Metter…

Inizia il Carnevale a Lavello con il Premio Rosso Domino

Il Carnevale prende inizio a Lavello, Mercoledì 17 Gennaio, con il Premio Rosso Domino.  L'appuntamento è al Teatro San Mauro alle ore 19:30. Quest'anno il Premio è stato assegnato al professore Vito Cerone. Alla manifestazione parteciperà il l sindaco di Lavello, Sabino Altobello, l’assessora alla cultura, Giovanna De Luca, il presidente del consiglio comunale, Raffaele Avigliano, il presidente della BCC di Gaudiano di Lavello, dr. Sante Bruno. Durante la serata seguirà la presentazione del programma del Carnevale 2018 e dei Festini a cura della Pro Loco “F. Ricciuti”. Il carnevale di Lavello è una tradizione fortemente sentita nella comunità, con i festini del sabato sera e con il costume tipico lavellese il Domino. I festini, come il ballo, fanno parte della tradizione di Lavello, dedicato al divertimento, all'amore, alla spensieratezza.  In programma, anche, momenti musicali con Milena Bruno, il cantautore Mauro Vulpio e proiezioni fotografiche di Vincenzo Nesta “Le stagi…

Importante convegno sui Piccoli Musei a cura della Pro Loco F iliano : i l Museo dell’arte arundiana di Franco Zaccagnino

“I Piccoli Musei narratori dei luoghi” è il tema di un partecipato convegno di approfondimento promosso e organizzato dalla Pro Loco di Filiano, tenutosi domenica scorsa a Filiano presso il Centro sociale “Prof. G. Lorusso”. I lavori sono stati introdotti dalla presidente della Pro Loco Filiano, Maria Santarsiero, che ha letto un breve messaggio di saluto della dott.ssa Marta Ragozzino, Direttore del Polo Museale Regionale della Basilicata, impossibilitata a partecipare al convegno: «Tema a mio giudizio fondamentale quello del riconoscimento e sostegno ai piccoli musei e alle altre realtà espositive che variamente e capillarmente punteggiano il nostro territorio. 

Musei e realtà che devono collegarsi in rete per mettere a sistema servizi e strumenti ed offrire, non solo in prospettiva di Matera-Basilicata 2019 ma ben oltre questo fondamentale appuntamento, una grande e variegata realtà culturale fatta di tante esperienze diverse ma ciascuna ricca e preziosa». Nella sua ampia e dettagli…

Mercoledì a Potenza la “Giornata Nazionale del Dialetto e delle Lingue Locali” promossa da Unpli Basilicata

Impegno delle Pro Loco per promuovere i dialetti lucani e la tutela delle lingue locali 
Appuntamento mercoledì alle ore 17, a Potenza, nella Sala B del Consiglio Regionale della Basilicata, per la “Giornata Nazionale del Dialetto e delle Lingue Locali", promossa dal Comitato Pro Loco Unpli Basilicata per tutelare e valorizzare il patrimonio immateriale rappresentato dai dialetti e dalle lingue locali. “Il 17 gennaio di ogni anno le Pro Loco si adoperano per realizzare manifestazioni per salvaguardare i patrimoni culturali – sottolinea Rocco Franciosa, Presidente del Comitato Pro Loco Unpli Basilicata - e le espressioni linguistiche locali dei borghi lucani. 


Infatti in questo periodo si susseguono eventi promossi da Pro Loco, scuole e associazioni in molti centri che aderiscono all’iniziativa. La prima edizione della manifestazione nazionale si è svolta nel gennaio 2013, - prosegue Franciosa - con l’obiettivo di sensibilizzare la collettività alla tutela dei saperi che …